Cambio EUR/USD

1-1-1999 in vigore come valuta di conto corrente

Gennaio 1999 Cambio Euro/USD 1,13-1,18

1-1-2002 entrata in circolazione 0,8907

Novembre 2002 parità col USD

Oggi, 29 Novembre 2011 circa 1,3350

Se il tasso di cambio di una valuta esprimesse in primo luogo la situazione economica dei paesi che la adottano, oggi, considerando che l’economia USA non naviga affatto in acque tranquille, ma l’economia dei principali paesi dell’eurozona sta in condizioni peggiori, compreso il debito pubblico in condizioni preoccupanti, ad essere ottimisti dovrebbe quantomeno stare alla pari.

Cioè al cambio di novembre 2002, o più realisticamente al cambio della sua entrata in circolazione, cioè 0,89 USD per EUR.

Il debito pubblico tedesco per esempio, ha superato ufficialmente l’85% (contro una previsione del 70%)

Però in rete circolano voci secondo cui il governo tedesco ha imparato dagli italiani, così anche loro avrebbero falsificato i bilanci reali.

Dunque a chi conviene un EURO sopravvalutato (oltre il 25%)?

Per la disastrata economia USA naturalmente è di enorme aiuto, proprio come quando avevamo la lira, e la banca d’Italia decideva svalutare per bilanciare la scarsa produttività e combattere la concorrenza estera.

Alla Germania, in fondo sta bene così, nonostante tutto è ancora l’economia più dinamica in Europa, in più approfitta per consolidare il plusvalore sui mercati internazionali basato sulla efficienza invece che sul gioco dei cambi.

Per adesso, guadagna comunque investendo sul debito dei cosiddetti titoli di stato spazzatura.

Però, chi decide se un paese emettete titoli spazzatura?

Le stesse agenzie di rating che quando hanno azzardato l’ipotesi di abbassare la valutazione del debito USA, dietro tempestiva minaccia del presidente Obama di metterle in riga, hanno subito ritirato l’ipotesi. Dunque, da allora gli USA sono esenti da valutazioni da parte delle proprie agenzie, che invece possono fare il bello e brutto tempo con gli altri paesi.

Naturalmente, questo cambio artificioso EUR/USD continuerà finché i grandi speculatori –soprattutto americani e di paesi con forte crescita- non decideranno di fare il colpaccio spostando rapidamente il loro interesse sulla valuta USA.

Allora, la Germania sarà enormemente più competitiva di tutti gli altri paesi dell’eurozona e gli USA inventeranno qualche altra diavoleria per rinviare il disastro, già più volte spostato sulle spalle degli altri paesi.

Annunci

One thought on “Cambio EUR/USD

  1. Pingback: L’Euro al bivio: Europa o Germania-USA? | Idea54

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...